Il Relais Villa Baldelli, a Cortona, in Toscana, è la location ideale per la vostra cerimonia civile. Il personale del Relais è a disposizione per aiutarvi a definire ogni dettaglio del vostro matrimonio.

A Cortona, città etrusca, romana e medioevale, cinta ancora da possenti e intatte mura, è possibile celebrare un indimenticabile matrimonio.

Per quanto riguarda il rito civile, l’Amministrazione Comunale di Cortona, mette a disposizione degli sposi, la propria sala Consiliare, che è una delle parti più antiche e suggestive del Palazzo Comunale.

Altre location sono: stanza del Sindaco, Fortezza Medicea, Sala della Biblioteca di Palazzo Casali, Complesso conventuale di S. Agostino, Civiche Stanze.

Chi invece desidera una cerimonia religiosa, numerose sono le chiese, tra le più suggestive di Cortona.

San Niccolò:

La chiesa di San Niccolò è un edificio sacro che si trova nella via omonima a Cortona. La sua storia è legata a San Bernardino da Siena che nel 1440 vi istituì la Compagnia di San Niccolò. Si affaccia su un ampio sagrato rettangolare chiuso a sinistra dal monte e a destra da un muro dal quale si gode un bellissimo panorama. È preceduta da un porticato che si sviluppa sul fianco sinistro e sulla facciata. L'interno fu completamente rimaneggiato fra Seicento e Settecento: presenta tre altari di gusto barocco e un bel soffitto a lacunari del 1768. Sull'altare maggiore è collocato il gonfalone della Compagnia di San Niccolò dipinto nel 1510 circa da Luca Signorelli su ambedue le facce: nella fronte reca il Compianto sul Cristo morto, nel retro la Madonna col Bambino e i Santi Pietro e Paolo.

Santa Margherita:

La basilica di Santa Margherita è un edificio sacro che si trova nel piazzale omonimo a Cortona. Il santuario è dedicato alla figura di Santa Margherita, patrona di Cortona e terziaria francescana, e alla successiva attività culturale e spirituale dei Francescani Osservanti. Alla morte della santa (22 febbraio 1297) si decise di costruire una chiesa in suo onore, a fianco dell’antica chiesetta di San Basilio che Margherita stessa aveva restaurato dopo averla scelta come luogo di penitenza e di preghiera.

Santa Maria Nuova:

La chiesa venne costruita, verso la metà del XVI secolo, da Giorgio Vasari. L'edificio si mostra di estremo interesse per quanto riguarda la planimetria, concepita secondo uno schema centralizzato, con una croce greca inscritta in un quadrato e sovrastata dalla cupola principale (terminata solo nel XVII secolo). Internamente si innalzano i quattro poderosi pilastri sui quali si imposta il tamburo della cupola. Ai lati i quattro bracci della croce risultano coperti da una volta a botte, mentre quattro cupolini si elevano sugli spazi d'angolo. Tra le opere d'arte, la Natività di Alessandro Allori, San Carlo Borromeo che porta la Comunione agli appestati di Baccio Ciarpi, l'Annunciazione dell'Empoli.

Il Relais Villa Baldelli, a Cortona, in Toscana, è la location ideale per la vostra cerimonia civile. Il personale del Relais è a disposizione per aiutarvi a definire ogni dettaglio del vostro matrimonio.

A Cortona, città etrusca, romana e medioevale, cinta ancora da possenti e intatte mura, è possibile celebrare un indimenticabile matrimonio.

Per quanto riguarda il rito civile, l’Amministrazione Comunale di Cortona, mette a disposizione degli sposi, la propria sala Consiliare, che è una delle parti più antiche e suggestive del Palazzo Comunale.

Altre location sono: stanza del Sindaco, Fortezza Medicea, Sala della Biblioteca di Palazzo Casali, Complesso conventuale di S. Agostino, Civiche Stanze.

Chi invece desidera una cerimonia religiosa, numerose sono le chiese, tra le più suggestive di Cortona.

San Niccolò:

La chiesa di San Niccolò è un edificio sacro che si trova nella via omonima a Cortona. La sua storia è legata a San Bernardino da Siena che nel 1440 vi istituì la Compagnia di San Niccolò. Si affaccia su un ampio sagrato rettangolare chiuso a sinistra dal monte e a destra da un muro dal quale si gode un bellissimo panorama. È preceduta da un porticato che si sviluppa sul fianco sinistro e sulla facciata. L'interno fu completamente rimaneggiato fra Seicento e Settecento: presenta tre altari di gusto barocco e un bel soffitto a lacunari del 1768. Sull'altare maggiore è collocato il gonfalone della Compagnia di San Niccolò dipinto nel 1510 circa da Luca Signorelli su ambedue le facce: nella fronte reca il Compianto sul Cristo morto, nel retro la Madonna col Bambino e i Santi Pietro e Paolo.

Santa Margherita:

La basilica di Santa Margherita è un edificio sacro che si trova nel piazzale omonimo a Cortona. Il santuario è dedicato alla figura di Santa Margherita, patrona di Cortona e terziaria francescana, e alla successiva attività culturale e spirituale dei Francescani Osservanti. Alla morte della santa (22 febbraio 1297) si decise di costruire una chiesa in suo onore, a fianco dell’antica chiesetta di San Basilio che Margherita stessa aveva restaurato dopo averla scelta come luogo di penitenza e di preghiera.

Santa Maria Nuova:

La chiesa venne costruita, verso la metà del XVI secolo, da Giorgio Vasari. L'edificio si mostra di estremo interesse per quanto riguarda la planimetria, concepita secondo uno schema centralizzato, con una croce greca inscritta in un quadrato e sovrastata dalla cupola principale (terminata solo nel XVII secolo). Internamente si innalzano i quattro poderosi pilastri sui quali si imposta il tamburo della cupola. Ai lati i quattro bracci della croce risultano coperti da una volta a botte, mentre quattro cupolini si elevano sugli spazi d'angolo. Tra le opere d'arte, la Natività di Alessandro Allori, San Carlo Borromeo che porta la Comunione agli appestati di Baccio Ciarpi, l'Annunciazione dell'Empoli.

La Cattedrale di Santa Maria - Duomo di Cortona:

Edificata sui resti di un tempio pagano e documentata come pieve nel secolo XI, non fu scelta come cattedrale quando nel 1325 venne istituita la diocesi cortonese, ma i locali annessi furono usati come residenza vescovile. Nel 1507 papa Giulio II pose fine a questa anomalia trasferendovi il titolo di cattedrale dalla chiesa suburbana di San Vincenzo. Quasi in previsione del nuovo ruolo che avrebbe svolto, nella seconda metà del Quattrocento si decise il rifacimento interno. La lettura delle forme rinascimentali è oggi inficiata da interventi successivi che nascondono la più rigorosa ed elegante partitura originaria.

Abbazia di Farneta:

L'abbazia di Farneta è un edificio sacro che si trova nella località omonima a Cortona. Il monastero benedettino risale, secondo alcuni, all'età longobarda, ma di esso si ha notizia soltanto in un documento del 1014. Nel Duecento arrivò a controllare gran parte della parte inferiore della Val di Chiana. Nel XV secolo era ormai in decadenza e nel 1799 fu soppresso. La chiesa è a una sola navata con transetto sporgente in cui si aprono cinque absidi. Insolita la soluzione del transetto absidato, e inconsueta anche la presenza, all'interno, del presbiterio con le absidi fiancheggiate da nicchie quasi a formare un trifoglio, rimosse nel 1924 perché ritenute aggiunte posteriori. Il motivo è ancora presente nella cripta, coperta con volte a crociera senza sottarchi, sostenute da colonne e capitelli romani di spoglio.